05/07/2007

Viva Garibaldi! Festa ottocentesca per l'eroe dei due mondi

“Viva Garibaldi!”. Con un salto indietro nel tempo di quasi duecento anni, il suggestivo borgo di Saludecio, sulle colline di Rimini, si catapulta in pieno Risorgimento portandoci con sé per rivivere i momenti in cui l’Eroe dei due Mondi passò per le terre di Romagna. Il 7 e 8 luglio, a partire dalle 20 fino a tarda sera e con ingresso libero, Saludecio sarà in festa. In concomitanza con le manifestazioni nazionali del 4 luglio, bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi, verrà organizzato infatti l’evento dal titolo: “Viva Garibaldi! Festa ottocentesca per l’Eroe dei due Mondi”. La festa, che fa’ parte dell’iniziativa del Comune “Garibaldi, un progetto per la città” è il naturale proseguimento di quanto iniziato il 9 giugno scorso con lo svolgimento del convegno “Garibaldi nelle nostre terre” e con l’inaugurazione della mostra permanente “Garibaldi un mito da riscoprire –Collezione Ottaviani”, visitabile presso le sale delle Ex Carceri mandamentali del palazzo municipale. Per celebrare l’Eroe nazionale è previsto un ricco cartellone di spettacoli, suggestioni e rievocazioni storiche, oltre che offerte enogastronomiche tematiche: il tutto unificato da una ambientazione perfettamente ottocentesca. Saludecio è infatti nota proprio per il suo legame con il XIX secolo, il quale, attraverso 800 Festival, ha permesso di far conoscere e valorizzare gli aspetti artistici e culturali del Comune, fortemente caratterizzato da questo particolare periodo storico, quando il paese, sede di Mandamento, era la capitale della Vallata. Prendendo atto di questa immagine consolidata, si è pensato di moltiplicare l’ “effetto 800” affiancando allo storico Logo quello di” “800 Festival Eventi”, un vero e proprio “marchio di qualità” per mostre, convegni, spettacoli, manifestazioni. Anche la Festa dedicata a Garibaldi si fregia naturalmente di questo marchio DOC, mettendo in campo le suggestioni ottocentesche per tutta la parte più bassa del centro storico dove è ambientato l’evento. La Festa si articola in situazioni tematiche, diverse fra loro per tipologia, ma perfettamente integrate in modo da offrire un quadro d’insieme unico: La Piazza del Risorgimento: in piazza Beato Amato Ronconi a partire dalle 21.30 sarà protagonista, sabato 7, il suggestivo “Gran Ballo dell’Unità d’Italia” a cura della Società di Danza di Bologna con intermezzi di letture tratte dalle cronache dell’epoca intitolate “Ricordando Garibaldi”. Domenica 8 (sempre alle 21,30) sarà invece la volta, all’interno della prestigiosa rassegna musicale Emilia-Romagna Festival, del concerto del tenore Domenico Ghegghi accompagnato dal Quartetto Archimede, con brani di Verdi, Rossini, Bellini, Donizetti, Tosti. Cimeli e Filatelia: i portici di piazza Beato Amato Ronconi ospiteranno, in entrambe le serate, la postazione per l’emissione dell’Annullo postale, appuntamento ricercatissimo da tutti gli appassionati, nonché il punto di partenza per le visite guidate alla mostra “Garibaldi un mito da riscoprire – Collezione Ottaviani”. Se la piazza principale del paese sarà caratterizzata da un tipo di scenografia e di intrattenimento “colto”, la piazza sottostante, intitolata proprio all’11 settembre 1860 e legata quindi alle vicende locali del periodo risorgimentale, avrà connotazioni più “popolari” con l’allestimento di un vero e proprio accampamento militare nel quale due gruppi di rievocazione storica, Cannoni e Moschetti di Medole (MN) e A-Storia di Savona, illustreranno dal vivo con aneddoti e materiali originali la vita militare dell’epoca. Tutto questo animerà la sezione L’accampamento garibaldino. A tavola con Garibaldi: cibi e sapori preparati dalla Pro Loco di Saludecio con la consulenza scientifica dello storico Tommaso Lucchetti. La cantina e la cucina di campo offriranno i tipici piatti frugali che caratterizzavano le giornate del generale e dei suoi garibaldini. Musiche e narrazioni: sabato 7 saranno protagonisti gli Orsi, con la loro musica popolare, e Roberto Caminiti del Teatro della Luce che leggerà alcuni passi dalle cronache garibaldine locali. Domenica invece sarà la volta del gruppo di Sergio Diotti e Stefano Giunchi con “Omaggio a Josè e Anita Garibaldi – Recital per due eroi”, prodotto da Arrivano dal mare! Uno spettacolo di narrazione accompagnato dall’organetto diatonico e dall’organo di Barberia (Piazza XI settembre 1860). Musiche, balli, teatro di strada e teatro di figura: davvero numerose le attrattive delle serate. Non poteva mancare la sezione La tradizione dei burattini. La piccola piazza di Via Rialto infatti, vedrà protagonista, sabato alle 21.30 Il Teatro alla Panna in “La visita di Pio IX”, e domenica (21.30) la Compagnia Vladimiro Strinati con “Il Passatore al Teatro di Forlimpopoli”. All’inizio del Corso sarà creato un piccolo angolo con i produttori locali dedicato al Mercato 800. Come da tradizione, domenica concluderà la festa l’immancabile Gran Finale, spettacolo pirotecnico con i classici “Fuochi d’onore”. Con questa iniziativa, ideata e curata con scrupolo filologico da Giuliano Chelotti, il Comune di Saludecio intende rendere omaggio alla figura di Giuseppe Garibaldi e con esso alla propria tradizione ottocentesca. Per Info: Comune di Saludecio tel. 0541 869701/869719/869721

[ Torna alle news ]

           

CREATTIVA.info© 2005
Designed and engineered by Nexis